Il giardinaggio ecologico

2 min per leggere
Condividi

L’eco-giardinaggio è un giardinaggio sostenibile ispirato alla natura. Significa considerare le interazioni tra i diversi elementi viventi del giardino: suolo, piante, acqua… e favorire la presenza di elementi viventi che riteniamo utili, come gli insetti utili. Regolano quelli considerati dannosi (come gli afidi). L’eco-giardinaggio richiede un approccio globale al giardino con l’implementazione di metodi culturali e l’uso di soluzioni alternative o di biocontrollo.

Ecco i nostri 10 consigli per iniziare con l’eco-giardinaggio:

  • Posiziona la tua pianta nelle migliori condizioni: devi collocarla tenendo conto del terreno, clima, vicinanza con piante “amiche” e considerare le sue esigenze in modo che possa difendersi da tutte le aggressioni esterne.
  • Scegli le specie adatte secondo la tua zona: scegli le specie autoctone e considera i diversi suoli e l’esposizione del tuo giardino. Ricorda che “in ogni luogo del tuo giardino c’è una pianta che starà bene lì, ma quella stessa pianta non crescerà dappertutto nel tuo giardino!”
  • Ricordati di nutrire il tuo terreno, e quindi le piante: porta nel tuo terreno esclusivamente fertilizzanti naturali, e assicurati sempre che sia ricoperto da piante o pacciame, come nel bosco! Il terreno è una vera fabbrica di compostaggio per la materia organica che gli porti, è vivo.
  • Abbina le tue piante: applica il principio delle associazioni vegetali, che si chiama compagnia. Alcune piante funzionano bene insieme e altre non così bene.
  • Pensate alla rotazione delle colture: nell’orto, non coltivate le stesse famiglie di ortaggi nello stesso posto per diversi anni di seguito: la rotazione delle colture eviterà di impoverire il terreno di alcuni nutrienti e limiterà le popolazioni di parassiti. Un parassita che trova la sua pianta ospite ogni anno nello stesso posto si moltiplicherà più facilmente.
  • Ristabilire l’equilibrio della fauna: favorire l’arrivo di coccinelle che evitano l’invasione di afidi, di uccelli posizionando nidi o creando ripari nel vostro giardino, piantando per loro piante attraenti… ed evitate l’invasione di parassiti .
  • Creare una diversità di ambienti: coltivare una moltitudine di specie vegetali diverse che, a loro volta, daranno vita ad una moltitudine di animali. Il tuo giardino può ospitare una fantastica biodiversità vegetale e animale! L’obiettivo non è sradicarli perché in questo caso il vostro giardino non avrebbe benefici ma lascerebbero campo aperto a una nuova invasione, in altre parole, per evitare danni da afidi, fate in modo che le vostre coccinelle si sfamino con gli afidi!
  • Crea un abbeveratoio: anche un piccolo laghetto di uno o due metri quadrati con piante acquatiche costituirà un favoloso ecosistema!
  • Osserva il tuo giardino: lo conosci bene per intervenire più nella prevenzione che nella cura.
  • Prevenire piuttosto che curare: utilizzare prodotti preventivi, prodotti di bio-controllo rispettando le dosi e le condizioni d’uso.

L’eco-giardinaggio è una sinergia sostenibile tra te e il tuo giardino che offre vantaggi reciproci.

2 min per leggere
Condividi