Il balcone del vicino è sempre il più soleggiato

2 min per leggere
Condividi

Beh, mica tutti i giardini o i terrazzi possono avere la fortuna di essere baciati dal sole, ce ne sono molti esposti a nord, ma non per questo meno belli e colorati.  
Il trucco? Basta saper scegliere le piante giuste, ossia tutte quelle specie da fiore o foglia ornamentale, che danno il meglio di sé solo se ombreggiate.  
Attenzione però, questi luoghi spesso sono piuttosto freddi, anche a primavera inoltrata, e per la messa a dimora è meglio aspettare che le temperature diurne si stabilizzino intorno ai 20°C. Questa “sistemazione” posticipata implica inevitabilmente una fioritura tardiva, ma poco importa, perché solo così le piante non risentiranno troppo delle escursioni termiche tra il giorno e la notte. 

Specie di piante che amano l’ombra

Ma quali sono, nel dettaglio, le specie più indicate per sopravvivere dove il sole scarseggia? Le prime della lista sono le Impatiens, un genere che comprende circa settecento varietà, quasi tutte derivate dalla Impatiens walleriana.
In commercio potrete trovare infiniti ibridi di questa graziosissima pianta, che presenta foglie verde intenso tendente al bronzo e fiori dai colori vivaci e variegati, rosa, fuxia, arancione e violetto 

Nessuna di questa tonalità rientra, però, nel ventaglio cromatico dell’Ipomea batata (si, proprio lei, la patata americana), erbacea in grado di abbellire il balcone o il giardino con le sue foglie rosse, gialle e verdi (sia chiare che scure), e con il suo portamento ricadente. 

Profilo “strisciante” anche per la Purple Moon (Torenia fournieri) ideale per vasi o contenitori appesi, data la natura ricadente dei suoi fusti. I suoi numerosi fiori bianchi, rosa, giallo o porpora, creano delle vere e proprie cascate di colore, che si mantengono belle e rigogliose da giugno a ottobre. 

Parliamo di estate anche pensando alla fioritura della Fuchsia hybrida, una specie dai meravigliosi fiori penduli e dalle bacche rosse o nere a seconda della varietà. Ma le differenze non contano quando si parla di annaffiatura: la Fuchsia è una pianta che richiede di essere bagnata regolarmente, non abbandonatela mai a un terreno secco e duro. È quindi per la mancanza d’acqua, che d’inverno perde le foglie? Assolutamente no, la Fuchsia è una pianta decidua, il cui fogliame cade all’inizio della stagione fredda e si rinnova all’inizio di quella calda.  
La Fuchsia ha riempito l’ultimo posticino all’ombra del vostro balcone? Bene, come avrete potuto notare poco ha da invidiare a quello (soleggiato) del vicino. 

2 min per leggere
Condividi