4 min per leggere
Condividi

Regola 1: utilizzare rifiuti diversificati ben mescolati tra loro

Mescolarli regolarmente aiuterà il processo ad ottenere una migliore trasformazione in compost.

Quando si avvia un compost, il trucco è portare una base di compost maturo che servirà da lievito.

Regola 2: distruggi tutti i rifiuti legnosi prima di incorporarli nel compost.

Ricordati di sminuzzare i rami dell’albero e degli arbusti e spezzare gli steli delle piante con le forbici o a mano. E’ più facile per gli organismi attaccare il compost, migliora la miscelazione del compost e accelera il processo di compostaggio.

Regola 3: aerare regolarmente il cumulo di compost

Il primo giro del compost dovrebbe avvenire tra 2 e 4 settimane dopo la creazione del cumulo. Questa operazione impedisce l’abbassamento della temperatura e favorisce l’attività dei batteri termofili e apporta loro l’ossigeno di cui hanno bisogno per funzionare. Ripetere l’operazione ogni 3 o 4 settimane.

Infine, l’aerazione permette di ottenere una miscela omogenea che favorisce uno stretto contatto tra i diversi rifiuti con ruoli complementari nella trasformazione in compost.

Per favorire l’aerazione del compost, il trucco è creare un camino utilizzando un tubo perforato in PVC posto verticalmente al centro della pila.

Regola 4: avere il giusto livello di umidità

Un cumulo di compost troppo asciutto farà scomparire o inattivare i batteri durante il processo. Solo i funghi saranno attivi. Ciò si traduce nella comparsa di filamenti miceliali bianchi.

Un compost troppo umido riduce la quantità di ossigeno e provoca la putrefazione e l’emissione di un forte odore di ammoniaca. Idealmente, quando tieni in mano il compost in maturazione, l’acqua non dovrebbe defluire, ma dovresti sentire l’umidità. Se il tuo compost è troppo umido, aggiungi dei rifiuti secchi ricchi di carbonio C.

Regola 5: arricchisci e mantieni il tuo compost

Ecco le diverse soluzioni:

  • Attivatori biologici, ricchi di nutrienti e microrganismi.
  • Ammendante calcareo o magnesiaco (dolomite) che è un vero e proprio contributo in oligoelementi ed ha il pregio di neutralizzare eventuali cattivi odori.
  • Argilla che favorisce la formazione del complesso argilloso-humus per i terreni sabbiosi.
  • Letame di ortica o consolida diluito al 10% se i tuoi rifiuti sono ricchi di carbonio e secchi.

Regola 6: se necessario, predisporre una pila di precompostaggio

In caso di grandi quantità di rifiuti, prevedere un’area per lo stoccaggio, la triturazione e la miscelazione.

Coprire la parte centrale del mucchio con paglia, terra o un telo poroso. Ciò consentirà il passaggio di aria e acqua. Rimuovere quando si gira la pila.

Più grande è la pila, migliore è l’aumento della temperatura e quindi la velocità di compostaggio e distruzione dei germi patogeni.

Regola 7: setacciare il compost

Non tutti i rifiuti verranno completamente trasformati durante il primo compostaggio. Basterà setacciarlo e reinserirlo nel prossimo cumulo di compost

Regola 8: come fai a sapere quando il compost è maturo?

La trasformazione del compost dura dai 5 ai 12 mesi, a seconda del periodo e dei materiali da compostare. Il mucchio iniziale si riduce di circa due terzi e si concentrerà in nutrienti minerali.

Indizi per sapere se il tuo compost è maturo:

  • Il compost rimane a temperatura ambiente e quindi non aumenta più di temperatura.
  • I piccoli vermi rossi diventano sempre più numerosi e verranno sostituiti dai lombrichi una volta che il compost sarà completamente maturo.
  • Non è più possibile riconoscere l’origine dei diversi materiali e dei rifiuti iniziali; sono diventati friabili, di colore bruno scuro, con una consistenza grumosa e un gradevole odore di terriccio di bosco, di humus.

Regola 9: Come viene utilizzato il compost?

Diversi possibili usi:

  • Piante da aiuola e aiuole: stendere a manciate abbondanti alla base quindi incorporare superficialmente grattandole.
  • Piante in vaso: sostituisci il substrato di superficie con il tuo compost.
  • Arbusti, alberi da frutto, piante perenni, cespugli di rose: sparsi come pacciame
  • Ortaggi: spalmare a manciate grandi ai piedi, quindi incorporare superficialmente grattando o incorporare nel terreno prima di piantare.
  • Terreni poveri: stendere il compost in una quantità da 10 a 20 litri per m² e incorporarlo nel terreno.
  • Tappeto erboso: scarificare il terreno e poi spargere il compost sul tappeto erboso.

Regola 10: gli strumenti e le attrezzature giuste

  • Forcella per girare e arieggiare
  • Uno o due silos
  • Telo con occhielli
  • Termometro a strati
  • Carriola
  • Trituratore
  • Tubo perforato in PVC per fungere da camino al centro della pila
  • Annaffiatoio
  • Contenitore per la raccolta dei rifiuti di cucina
  • Setaccio
4 min per leggere
Condividi